parovel

com_content

Sull'inserto Eventi Nordest de Il Sole 24 Ore si parla dell'internazionalità dell'extravergine Parovel: dalle fiere alle scuole di cucina, passando per eventi e degustazioni, da molti anni l'azienda fa conoscere l'olio extravergine triestino nel mondo.

Parovel Il Sole 24 Ore Extravergine Trieste internazionale“Chi sceglie il nostro extravergine, ad esempio lo sceglie per la varietà autoctona della zona, la Bianchera, ma anche perché controlliamo tutta la filiera. La spremitura avviene nel nostro frantoio oleario con il controllo diretto sulle olive e la lavorazione”. Insomma, la globalizzazione non produce soltanto guai, ma permette anche ad aziende che conservano l’artigianalità e la territorialità di portare avanti la propria vision, facendo conoscere l’eterogeneità dell’offerta italiana. “Cosa curiosa - continua Elena Parovel - è che all’estero ci hanno scelto pure le scuole di cucina per i loro corsi. Ci rende orgogliosi, siamo i primi a sottolineare l’importanza di una giusta educazione rispetto all’olio extravergine d’oliva, oltre che l’unico frantoio del Friuli Venezia Giulia aperto al pubblico in autunno durante la campagna olearia, con la possibilità di degustazioni guidate. Con tali educational sensoriali crediamo di promuovere ciò che di buono il nostro territorio produce e di portarlo all’attenzione di chi quel territorio lo vive, magari ignorandone le eccellenze alimentari.”

Non molti infatti sanno che nel nordest si fa un eccellente olio extravergine di oliva e probabilmente in pochi che esiste la Dop Tergeste, unica denominazione d’origine protetta dell’olio del Friuli Venezia Giulia, che in pochi conoscono. Insieme a molti altri produttori anche Parovel porta i suoi extravergini a Olio Capitale, 10. Salone degli Oli extra vergini tipici e di qualità, dal 5 all’8 marzo, nella location della Stazione Marittima sulle Rive di Trieste.

Un'occasione in più per assaggiare l'olio extravergine di Trieste.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’alimentazione, i metodi di produzione ma anche i modi di cottura di ciò che mangiamo stanno diventando sempre più importanti nei paesi industrializzati. È probabile sia un modo per poter tornare ad uno stile di vita più sano e meno sofisticato.
Oggi in italia chi segue una dieta vegetariana o vegana è pari al 5,9 % della popolazione che è una cifra piuttosto, ma un’altra tendenza si sta sempre di più affermando, vale a dire la dieta crudista: una forma di alimentazione trasversale a vegetariani, vegani, demitariani e amanti della buona tavola in generale.

Surfando nel web abbiamo trovato l’interessante blog Spaghetti e Mandolino che qui citiamo:
«Cominciamo ad imparare queste due parole inglesi. RAW FOOD significa letteralmente, cibo crudo. Una nuova frontiera?
Beh se ci pensate bene è la dieta dell’Homo sapiens ai suoi albori quando ancora non era riuscito a scoprire i benefici del dio fuoco. Cibi crudi significa tutti quei cibi che non hanno subito cottura grazie all’utilizzo di calore alla fiamma diretta. Che non hanno perso tutti i loro componenti nutritivi a causa dell’alta temperatura.

Dal SANA di Bologna, l’evento Internazionale del Biologico ciò che è emerso con maggiore forza è proprio questa nuova frontiera. Adottato da numerose star del cinema holliwoodiano il crudismo sta diventando un movimento molto seguito anche nel nostro paese da parte di donne e uomini soprattutto nella versione vegan.
Ed ecco quindi il proliferare di verdure, frutta secca, creme di legumi, cereali, frullati, ecc… ma il crudismo rivela anche la sua anima non Vegan con tutti quei salumi che non hanno subito cottura e sono molti. Parma e San Daniele su tutti ma anche sfilacci di cavallo e altra carne essicata nel puro stile più ancestrale.

olive trieste bianchera parovelCome nel resto della penisola italiana anche in questo estremo angolo a nordest la produzione 2015 si preannuncia abbondante e sana. Chiaramente le condizioni climatiche che vivremo nelle prossime settimane potranno ancora influenzare il grado di inolizione e la qualità del raccolto, ma finora possiamo dire che qui a Trieste l’estate calda ma non eccessivamente siccitosa e la relativa ridotta umidità dell’aria, complice la presenza piuttosto costante di ventilazione e di fresche folate di Bora, hanno portato a una produzione particolarmente in salute. Dobbiamo anche ringraziare il clima favorevole che in fase di fioritura/allegagione nel mese di giugno si presentava piuttosto stabile. La situazione produttiva sarà quindi piuttosto omogenea in tutti gli oliveti Parovel, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo con un buon rapporto polpa/nocciolo e anche la mosca olearia è stata fermata dalla siccità e dal forte caldo di luglio. La campagna olearia 2015 a Trieste e in particolare nella zona di San Dorligo della Valle - Dolina inizierà tra poco, verso la metà/fine di ottobre e le olive che verranno molite per prime saranno quelle di varietà Leccino, Pendolino, Leccio del Corno, Maurino, e Buga (altro albero di olivo autoctono della nostra zona insieme alla Carbona o Cernica), per ultima toccherà alla varietà Bianchera.

luce del mattino olive bianchera trieste Tutte queste sono piante che coltiviamo da decenni nei nostri oliveti: nella regione Friuli Venezia Giulia San Dorligo della Valle - Dolina è stato il primo impianto intensivo a oliveto (1985) con un lavoro pionieristico da parte di 4 produttori triestini, tra cui la nostra azienda con il papà Zoran Parovel allora alla conduzione. Cosa rende l’extravergine prodotto in questa zona così singolare? La maturazione dell’oliva dipende sempre dall’esposizione così come per tutti i frutti – non dobbiamo in effetti mai dimenticarci che l’oliva è un frutto – e nel territorio di San Dorligo della Valle/Dolina abbiamo delle microzone caratterizzate da un microclima proprio, il quale contribuisce alla maturazione precoce o tardiva.

Elena Parovel bianchera olio extravergine triesteNel 2003, l'oleologo e giornalista Luigi Caricato nonchè direttore della rivista Teatro Naturale, dedicava una bella intervista a Elena i cui contenuti sono validissimi ancora oggi che è ritornato in auge il tema dell'etica della produzione. Qui di seguito un breve estratto dell'intervista che invece trovate pubblicata qui integralmente

Da quanto tempo si occupa di agricoltura e con quali risultati?
Sono la quarta generazione. La nostra azienda nasce a fine ‘800 con il mio trisavolo. Vi lavoro a “pieno titolo” dal 1991. Da piccola seguivo i miei genitori nelle vigne e tra gli ulivi. Un risultato soddisfacente in termini economici; nel Carso triestino non è facile: c’è bisogno di tanta passione e tenacia con degli obiettivi ben precisi.

E’ soddisfatta, perplessa o preoccupata?
Sono soddisfatta perché il consumatore ha finalmente capito che la qualità degli alimenti ora, si trasforma in salute sempre. E questo permette all’agricoltura una lunga vita !

Perché il mondo rurale ha perso in centralità e importanza negli ultimi decenni?
Beh, le industrie agroalimentari hanno contribuito per la propria parte, ma a mio avviso il mondo rurale è sempre rimasto fortemente radicato alle proprie produzioni artigianali, che per fortuna stanno riemergendo.

Crede che il comparto agricolo possa restare ancora un settore primario in Italia?
Sì. Per le numerose tipicità zonali.

malvasia istriana maturazione carso parovelDa Parovel prospettiamo un’annata straordinaria, anche se complessa da gestire. In linea generale, quest’anno avremo un aumento produttivo significativo, quasi il 10% in più rispetto allo scorso anno, dovuto soprattutto a una maggiore fertilità delle gemme e a uno stato sanitario al momento decisamente superiore rispetto al 2014. La vendemmia che sta per iniziare presenta due principali punti di forza: la sanità delle uve e l’equilibrio vegetativo delle viti. Per contro, le elevate temperature diurne, che abbiamo rilevato da giugno in poi, hanno costretto le viti a chiudere gli stomi già alle prime ore del mattino per ridurre le perdite di acqua: da qui i lenti incrementi in zuccheri che si stanno verificando. Ciò significa che la calda estate ha lasciato un’impronta molto positiva che le prossime settimane non potranno cancellare.

Euro Parovel vendemmia grado zuccherino trieste

Peraltro abbiamo verificato che lo sviluppo vegetativo e il procedere delle fasi fenologiche sono naturalmente rallentate, per cui niente vendemmia anticipata. 

L’inizio della raccolta si posizionerà su date “normali”. La nostra vendemmia 2015 sarà quindi nella prima settimana di Settembre per i bianchi e nell'ultima settimana per i rossi.
Il “rendez-vous” annuale con Madre Natura è oramai avviato e saremo felici di poter farvi assaporare fra qualche mese l’energia e la pienezza che questa nuova annata regalerà ai nostri vini. Vi aspettiamo!

Euro Parovel
Titolare e responsabile produzione

refosco maturazione trieste carso parovel

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. > Leggi di più