parovel

com_content

fine vendemmia 2017 trieste parovel

La vendemmia Parovel 2017 è ormai già tutta in cantina. E per capire come sia andata quest’annata abbiamo chiesto dettagli a Euro Parovel, l’enologo e vignaiolo di famiglia.
«Quest’anno i nostri vigneti, per la maggior parte di Vitovska, Malvasia istriana, Glera, Refosco e Terrano hanno prodotto oltre 1000 quintali di uva sana, il caldo secco dell’estate ha portato infatti le uve a piena maturazione in maniera omogenea. E anche se da fine agosto la pioggia è stata copiosa, le precipitazioni non hanno intaccato la bontà dell’uva, che si è presentata senza parassiti o muffe. L’acidità rilevata in questa vendemmia è stata tra 5 e 7 g/L con grado zuccherino soddisfacente intorno al 20%. Abbiamo così ottenuto dei mosti armonici con un pH attorno il 3,5. Il 2017 segna come per la maggior parte dei vignaioli il 30% in meno di produzione rispetto al 2016, ma possiamo senz’altro affermare che la qualità rimane inalterata rispetto alle annate precedenti e anzi, forse potremo anche avere delle grandi sorprese, soprattuto dai rossi: i composti fenolici dell’uva hanno un’importanza sia a livello nutrizionale come antiossidanti, sia a livello organolettico influenzando il colore e il sapore del futuro vino. Un plauso va anche all’ottimo team che ha lavorato in vigna quest’anno, permettendo di concludere tutta la vendemmia in 8 giorni.»
E mentre attendiamo di assaggiare il vino nuovo a San Martino, andremo a controllare le 6.000 nuove viti di Malvasia istriana che hanno preso radici quest’anno nel vigneto Kamnje Parovel a San Dorligo della Valle e che portano avanti la grande tradizione di famiglia nella coltivazione di questo vitigno, così amato già dal bisnonno Pietro. Un amore radicato in più di un secolo di storia.

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito accetti i termini e le condizioni previste per l'utilizzo dei cookie. > Leggi di più